Il Gruppo Benfante ritira il Premio 100 Eccellenze Italiane 2018

Una location d’eccezione e di spiccato pregio, la Sala della Lupa in Palazzo Montecitorio a Roma, il 29 novembre per il Premio 100 Eccellenze Italiane che è stato consegnato al Gruppo Benfante.

Il risultato è stato ottenuto dal Gruppo con lo sforzo di tutti i collaboratori e di tutti gli impianti presenti sul territorio nazionale. Le aziende e le persone hanno puntato al continuo miglioramento per offrire un servizio competitivo, all’avanguardia, puntuale ed efficiente nel trattamento dei rifiuti. Il Gruppo ha portato avanti un programma di investimenti per l’innovazione tecnologica ed industriale per dare attuazione concreta agli obiettivi di economia circolare.

L’editore Riccardo Dell’Anna ha fatto dell’italianità un marchio distintivo delle pubblicazioni che godono del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dell’Anna ha istituito il premio, giunto alla sua IV edizione, che mira ad individuare e riconoscere pubblicamente i meriti di coloro che, attraverso il proprio lavoro, consentono all’Italia di essere considerata sinonimo di eccellenza nel mondo, motivo di orgoglio nazionale.

Il Made in Italy è riconosciuto quale garanzia di know-how, tradizione artigiana e, conseguentemente qualità superiore in grado di conquistare i mercati.

Questa eccellenza non si esplicita soltanto nella realizzazione di manufatti delle più diverse tipologie ma anche, e forse soprattutto, nella capacità di raggiungere instancabilmente nuovi traguardi tanto nel campo della ricerca e della sperimentazione, quanto sul piano scientifico e su quello tecnico e industriale.

Il libro pubblicato riunisce insieme le storie di tanti personaggi e aziende meritevoli intende essere anche qualcosa di diverso, una lente d’ingrandimento, una vera e propria cassa di risonanza per i successi raccolti dagli italiani che investono sui propri sogni e sulle aspirazioni al raggiungimento di un benessere ampiamente condiviso.

Celebrare le eccellenze d’Italia è un’occasione propizia per promuovere un moto virtuoso di emulazione che abbia l’obiettivo di far crescere sempre di più un paese realmente unico nel suo genere.

L’editore Riccardo Dell’Anna, patron dell’evento, ha saputo ancora una volta mettere in luce il buono e il bello dell’Italia.

Marco Benfante, a nome di tutto il Gruppo, di Benassi, Bergadano, Ecolfer, Usvardi e Valfreddana, con molta emozione e giusto orgoglio, ha ritirato l’attestato e la “Pigna d’Onore” realizzata in pietra leccese. Il suo ringraziamento è andato a tutte le persone che ogni giorno lavorano al suo fianco e insieme, le sue parole hanno espresso la visione che ha permeato le scelte e lo spirito che ha sostenuto il percorso di crescita:

“Quando un gruppo funziona, le soddisfazioni non mancano”.

La manifestazione 100 Eccellenze Italiane intende premiare le sfaccettate doti di persone e imprese, raccolte in categorie ben definite, che si siano distinte per iniziativa, abilità, studio, competenza e innovazione nei più disparati ambiti di applicazione.

Si sono succeduti sul palco anche alcuni relatori, tutti appartenenti al Comitato d’Onore esterno alla casa editrice, che ha selezionato persone e aziende da premiare, focalizzando l’attenzione degli ospiti su una serie di temi centrali per lo sviluppo del Paese, dall’attenzione per i bisogni e il tenore di vita dei cittadini alla tutela ambientale; dal turismo allo sviluppo delle infrastrutture; dalla promozione culturale alla sicurezza pubblica.

Il Presidente della Corte dei Conti, Angelo Buscema ha sottolineato come in Italia vi siano moltissime eccellenze e che siano realmente tali solo quelle in grado di qualificarsi come modelli di riferimento, veri e propri esempi da seguire per le nuove generazioni cui è affidato il futuro dell’Italia.

A moderare gli interventi la giornalista Alda D’Eusanio che, con spigliata ironia, ha sapientemente condotto lo svolgimento dei lavori. La serata si è conclusa con una cena presso il Circolo Antico Tiro a Volo dove gli invitati hanno potuto condividere la gioia di appartenere ad un Paese di incredibile valore.

 

Comments are closed.