La distruzione beni aziendali

DEVI SMALTIRE BENI AZIENDALI OBSOLETI?

Benfante si occupa di distruzione beni aziendali

Benfante è operatore specializzato nella dismissione dei beni strumentali da rottamare. Benfante procede alla raccolta e ritiro presso la sede dell’azienda o del professionista che richiede il servizio. Effettua il trasporto presso le proprie piattaforme per lo smaltimento del bene obsoleto da distruggere e segue il preciso iter al fine di evitare la presunzione fiscale di cessione. Benfante garantisce la tracciabilità della distruzione dei beni strumentali obsoleti e dei beni invendibili. L’accumulo di rimanenze di merci di magazzino non più vendibili o di beni strumentali ammortizzabili, detti cespiti, comporta la necessità di eliminarli, anche dal punto di vista fiscale.

Flessibilità, efficacia, economicità e trasparenza: con 40 anni di esperienza, siamo il primo NETWORK italiano strutturato con Piattaforme sul territorio, in grado di garantire, con un unico interlocutore, qualsiasi servizio ambientale per la rottamazione dei cespiti in Liguria, Piemonte, Veneto e Toscana

Richiedi un preventivo

LE TIPOLOGIE DI SMALTIMENTO

  • Smaltimento mobili da ufficio usati
  • Smaltimento arredi vecchi
  • Smaltimento rifiuti elettronici non pericolosi: stampanti, fotocopiatrici, cellulari, computer, pc portatili, monitor, gruppi di continuità
  • Smaltimento attrezzature obsolete, macchinari vecchi e mezzi non funzionanti o rotti
  • La demolizione e lo smaltimento di macchinari usati permette la rottamazione e il riciclo dei materiali ferrosi e metallici, che vengono poi reintrodotti nel ciclo produttivo dell’industria siderurgica.
  • Distruzione beni aziendali
  • Rottamazione beni aziendali e rottamazione cespiti
  • Smaltimento libri e carta da macero da biblioteche, scuole, istituti bancari, assicurazioni
Richiedi un preventivo

Perchè avvalersi di un operatore specializzato nella distruzione beni aziendali?

L’Amministrazione finanziaria può avvalersi della disposizione di cui all’articolo 1, comma 1, del D.P.R. 441/1997, ai sensi della quale si presumono ceduti i beni acquistati, importati o prodotti che non si trovano nei luoghi in cui il contribuente svolge le proprie operazioni. Risulta pertanto indispensabile, avvalendosi di un operatore specializzato nella rottamazione dei beni aziendali obsoleti, seguire la pratica dello smaltimento dei rifiuti.

Lo smaltimento dei beni strumentali e dei beni merce comporta la presentazione e la conservazione, nel caso di verifiche, di una specifica documentazione che comprova la “non presenza” nei locali aziendali dei beni di cui invece si rileva la fattura di acquisto:

  • Documento di Trasporto, DDT nel quale deve risultare il trasporto dei beni oggetto dello smaltimento con la precisa indicazione di un trasporto da effettuare per “rottamazione”
  • Formulario di identificazione per lo smaltimento dei rifiuti, vidimato da Agenzia delle Entrate e Camera di Commercio.

La fuoriuscita dei beni aziendali obsoleti dal ciclo economico, sia dal punto di vista produttivo e sia per quanto concerne quello commerciale, può dipendere da svariati motivi sia di carattere ordinario che di tipo straordinario.